4 errori da non fare quando riapri la piscina

Quando le temperature aumentano e arrivano le belle giornate di sole, arriva finalmente il fatidico momento di aprire la piscina, rimasta ferma per diversi mesi!

Occorre, quindi, rimuovere la copertura isolante e pulire per bene tutta la piscina. Ma ci sono tutta una serie di attività da eseguire con attenzione e cura, senza avere fretta e possibilmente evitando il fai da te se non si dispone della dovuta competenza, poiché si rischia di provocare danni.

Ecco, allora, quali sono i 4 errori da evitare per fare in modo che la piscina torni perfettamente splendente e funzionante!

1. Trascurare la pulizia della copertura invernale

Molto spesso si commette l’errore di rimuovere il telo che ha coperto la piscina durante l’inverno senza pulirlo a fondo dalle incrostazioni. In questo modo, finita la bella stagione, la copertura continuerà a essere sporca, quindi non pronta all’uso in quanto unta, maleodorante e tante volte anche con tracce di muffa.

Per una corretta manutenzione, invece, è sempre consigliabile togliere il telo e stenderlo all’aperto, igienizzare con prodotti adeguati e farlo asciugare al sole. A questo punto sarà possibile piegare la copertura, avendo cura di spargere del borotalco sui lati per evitare che il materiale plastico possa appiccicare, e conservarla in un luogo fresco e asciutto.

2. Non pulire le pareti e il fondo della piscina

Per eseguire una pulizia profonda delle pareti e del fondo esistono diversi strumenti, come ad esempio i robot automatici che si possono programmare per eliminare ogni traccia di sporco presente sul fondo della vasca.

Tuttavia, specie dopo che la piscina è rimasta ferma per diversi mesi, può essere necessario provvedere a una pulizia delle pareti ancora più profonda. Per ottenere migliori risultati è importante adoperare soluzioni apposite e utilizzare particolari attrezzi, come le spazzole in PVC o con fili di acciaio, provviste di bordi curvi per raggiungere anche gli angoli più difficili. Queste spazzole si usano manualmente, richiedono quindi una certa fatica ma permettono di ripristinare la piscina e di renderla splendente.

3. Non prestare attenzione ai filtri

Quando si riapre la piscina anche il controllo dei filtri diventa obbligatorio, al fine di garantire la funzionalità e allungare il ciclo di vita dell’impianto. In base al sistema di filtrazione sarà indispensabile compiere alcuni interventi mirati.

Normalmente ciò che si trova nei filtri sono insetti caduti in acqua, foglie, capelli, detriti e alghe, ma possono esserci anche altri tipi di contaminanti che rischiano di creare intasamenti e di compromettere la salubrità dell’acqua.

4. Sottovalutare l’importanza del trattamento dell’acqua

A fine stagione capita spesso che l’acqua della piscina non si presenta completamente limpida e pulita. Dopo avere eseguito una misurazione per verificare i valori dell’acqua, sarà necessario procedere con un trattamento specifico per regolarizzare i valori del Ph.

Oltre ad aggiungere il cloro, che svolge una potente azione battericida ed è utile per effettuare una vera e propria disinfestazione dell’acqua, occorre aggiungere la giusta dose di un prodotto antialghe multifunzione. A questo punto l’acqua avrà raggiunto la sua naturale limpidezza, da mantenere con i normali prodotti per il trattamento e con i cicli periodici di filtrazione.

Pulizia piscina professionale

La manutenzione della piscina non è solo indispensabile, ma anche piuttosto faticosa e richiede molto impegno. Oltre alle attività per la riapertura estiva, bisogna anche provvedere alla gestione settimanale che include la pulizia del fondo, delle pareti e della linea d’acqua, il controllo dei cestelli, della griglia a sfioro, il monitoraggio dei prefiltri e il reintegro dei prodotti chimici.

A fine stagione, quando le temperature scendono, bisognerà invece eseguire le operazioni che riguardano la chiusura invernale, come ad esempio il trattamento con prodotti svernanti, il controlavaggio del filtro e il posizionamento della copertura.

Svolgere la pulizia ordinaria e straordinaria di una piscina in maniera autonoma non è così semplice come si può pensare, ecco perché può essere molto utile richiedere l’aiuto di professionisti, in grado di svolgere un servizio di qualità in breve tempo.

Perché richiedere un servizio di pulizia piscina professionale?

Le attività utili per riaprire una piscina richiedono la massima cura e non possono essere lasciate al caso, per evitare di ritrovarsi a dover porre rimedio alle varie mancanze, provocate da una riapertura troppo frettolosa e non professionale.

Per questo noi di RB offriamo il Servizio Pulizia Piscina, eseguito da esperti, con attrezzature professionali e all’avanguardia. Adottiamo rigorose metodologie, attrezzature di ultima generazione. Tutto ciò per assicurare risultati altamente professionali.

Vuoi una piscina pronta per l’estate, senza sforzi e al giusto prezzo? Scopri subito i nostri servizi RB!

Continua a seguire il blog di RB: ogni settimana potrai scoprire curiosità, notizie, trucchi e consigli sul mondo della pulizia per rendere la tua casa o la tua azienda un posto immacolato, sotto tutti i punti di vista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *